Riflessioni Estive

MOTORSPORT

In questa estate tra anticicloni africani con nomi danteschi, grandine, temporali e brezze, siamo arrivati anche noi ad una sosta, abbiamo deciso dopo qualche giorno di “briefing”, di non mandare on-line il numero previsto a Luglio, perchè ci siamo dati come “missione” quella di portavi contenuti e onestamente, non avendo “vissuto” motorsport o altri eventi dal vivo, abbiamo deciso di fare uno stop.
Ovviamente non è nulla di allarmante come abbiamo scritto sui nostri social di riferimento (TWITTER e INSTAGRAM), perchè come vedete siamo “produttivi”, rimaniamo aggiornati e seguiamo anche molti eventi in sottotraccia, nonostante qualcuno pensa che non sia così, inoltre stiamo lavorando per portavi per settembre delle novità.
Parliamo di qualcosa di fresco, molto fresco, il 25° Goodwood Festival Of Speed tenutosi, nel weekend scorso, che celebra le “nozze d’argento” di questo fantastico evento motoristico, questo dedicato ai 70 anni del marchio Porsche. Questo evento come sempre innovativo ha dimostrato ancora una volta di essere all’avanguardia del motorsport, ci sono state le prove su pista durante le tre giorni sul hillclimb inglese di diverse macchine di grosso calibro, come la Mclaren Senna (v8 bi-turbo da quasi 800cv), la Brabham BT62 (vettura da 700cv) che probabilmente correrà la futura 24h di Le Mans, quindi la nuovissima rivisitazione della Toyota Supra e ovviamente come detto la parata celebrativa delle Porsche.

Oltre a tutto ciò abbiamo assistito tramite la live su YouTube ad eventi storici come: la vittoria della Volkswagen I.D. R Pikes Peak che ha stabilito il nuovo record assoluto di 43.05 secondi nel classico Shootout Time Attack, battendo la rivale NIO EP9 in una sfida tutta “elettrica”, poi abbiamo visto la prima Robocar elettrica guidata “virtualmente” farsi un giro sulla collina, quindi abbiamo assisisto al debutto in “pista” anche di un tosaerba modificato e molto veloce, infine al decollo del primo uomo-jetpack, insomma anche quest’anno a Goodwood non si sono fatti mancare nulla, confermando la positiva tradizione di evento motoristico dell’anno.
Questo evento è sicuramente a livello internazionale la “vetrina” più affascinante nel mese di Luglio; poi però a Giugno, abbiamo assistito sempre grazie a Internet, alla 24h di Le Mans, seguita praticamente senza sosta perchè veramente spettacolare, non avevo personalmente mai seguito per così tante ore questa Endurance e devo dire ne sono rimasto rapito e affascinato, perchè onestamente e sempre personalmente, fa veramente vivere il Motorsport, fa capire davvero quando impegno, passione e sacrificio, ci sia in una prova così dura e difficile, vedere il pilota che autonomamente, “prova” a sostituirsi ai meccanici, per uscire fuori da un incidente, prendere il “kit di sopravvivenza” e farsi spiegare tramite un cellulare come provare a sistemare l’auto rimanda veramente al Motorsport di altre epoche. Le Mans è stato anche il momento per celebrare un campione come Alonso (a due terzi dalla Tripla Corona), finito quasi nell’anonimato nella F1 per via di una Mclaren poco competitiva, si è calato nella 24h in maniera impeccabile, ricucendo il distacco con la Toyota gemella nella notte e portando a casa una vittoria tanto scontata sulla carta, quanto cercata e voluta in pista.
Battaglie nella categorie LMP2 e GT non sono mancate, sorpassi, sportellate, errori, ne abbiamo viste di tutti i colori, ma è stato veramente un gran spettacolo, grazie anche all’accuratezza e alla mai banale e noiosa cronaca dei telecronisti di Eurosport, piacevoli e competenti.

Dopo questa doppia divagazione “internazionale”, torniamo un po’ a “casa nostra” e diamo un rapido sguardo a quello che è successo e abbiamo visto con i nostri occhi a Imola, in questi 3 mesi di attività motoristiche.

Partiamo prima da un evento locale che riguarda la nostra città, ovvero il Trofeo Bandini giunto alla 25esima edizione che si svolge a Brisighella, tornato in auge, grazie alla collaborazione con il Minardi Day e sopratutto per il passaggio (doppio) di due autovetture, la Mercedes F1 del premiato Bottas (partito da Faenza dopo una salto a Imola) e la Mahindra F-E di Nick Heidfeld che ha portato grande pubblico lungo le strade del borgo medioevale.
Parlando di Imola invece l’evento per noi più importante (tralasciando le due ruote ovvero SBK e MXGP a Settembre argomenti che non trattiamo da sempre), è sicuramente stato il Motor Legend Festival & Bike Legends di Aprile, evento che ha aperto la stagione sul Santerno, una “kermesse” ben realizzata ripagata da tanto successo, che però a nostro modesto parere di redazione e personale, può offrire molto di più, sicuramente rivedere vetture e personaggi storici all’Enzo & Dino Ferrari, ha fatto bene a cuore, anima ed “orecchie”.
Un altro evento di grande richiamo è stato il Minardi Day (quest’anno come detto sopra in collaborazione per la prima volta con il Trofeo Bandini), secondo noi, l’edizione 2018 è stata in tono minore, rispetto alle precedenti, sopratutto per le assenze dell’ultimo minuto, che hanno lasciato l’amaro in bocca al sottoscritto e alla redazione; per quanto mi riguarda l’edizione 2017 (nonostante il pessimo meteo nella due giorni) ritengo sia al momento la migliore, in ogni caso come sempre detto lunga vita al Minardi Day.
Chiudiamo con altri eventi alla quale abbiamo assistito, 12h di Imola e l’ACI Weekend (che ritornerà sul Santerno nel weekend del 27-29 Luglio prima della pausa); l’Endurance della Creventic è molto spettacolare e avvincente, numerosi cambi di leadership ad ogni ora e davvero tantissima incertezza fino ai minuti finali, peccato che gli appassionati siano ancora poco coinvolti, ma non è certo colpa degli organizzatori, rispetto all’esordio del 2017, un incremento di pubblico vi è stato, soprattutto nella giornata finale.

Abbiamo fatto un punto di questi primi mesi di Magazine, ora ci ricarichiamo ma siamo sempre vigili sottotraccia, quindi non mi resta che dirvi di stare sintonizzati e con il Magazine on-line ci rivediamo a Settembre, speriamo con altre novità….Buona Estate!!!